I gioielli sono i migliori amici delle donne.

Un gioiello è per sempre, è un ricordo, un regalo, una gioia, un modo d’essere, un investimento. Ma come tutte le cose nella vita, anche i gioielli hanno bisogno di cure.

In particolare:

  • Non esporre il gioiello a prodotti chimici forti, ammoniaca, varechina, cloro e acqua salata;
  • Non indossare il gioiello durante
    le pulizia, il bagno, il nuoto e non esporlo a spray per i capelli, profumi e cosmetici;
  • Quando non è indossato, riporre il gioiello in una scatola protettiva o un sacchettino che prevenga l’ossidazione;
  • Dopo aver indossato i gioielli pulirli sempre con un panno umido per togliere le tracce di sudore e cosmetici;
  • Non indossare gioielli con pietre in situazioni in cui verrebbero esposti a superfici ruvide o forti impatti;
  • Evitare le esposizioni a fonti intense di calore, poichè gli sbalzi di temperatura possono danneggiare irreversibilmente le pietre preziose;
  • I gioielli con pietre dovrebbero essere sempre riposti separati l’uno dall’altro per evitare graffi;
  • Pulire con acqua tiepida e sapone neutro e spazzolare gentilmente;
  • I gioielli devono essere puliti regolarmente;
  • Se presentano lapislazzuli, coralli, perle, turchesi, smeraldi o, in generale, un importante pavé di pietre, la loro pulizia deve essere affidata a professionisti;
  • Impiegare con cautela prodotti di pulizia ad ultrasuoni;
  • Le Perle, richiedono un riguardo speciale, in quanto, essendo materiale organico, devono essere a contatto con l’aria, in caso contrario possono modificare aspetto, ingiallirsi se riposte per lunghi periodi in luoghi chiusi; quindi è buona consuetudine pulirle spesso con un panno morbido e controllare una volta l’anno il filo e i terminali della canottiglia; questo consiglio vale anche per il Corallo, l’Ambra ed il Turchese.

Consigliamo di far controllare il gioiello ad un professionista e di farlo pulire almeno una volta l’anno.